Presentazione dello studio preliminare per la rivitalizzazione della rete ferroviaria italiana

Il capofila del progetto ADRIA A – Iniziativa Centro Europea, in cooperazione con il partner progettuale Regione Friuli Venezia Giulia ha organizzato la presentazione degli studi preliminari svolti sulla rete di trasporto ferroviaria italiana, in particolare su quella del Friuli Venezia Giulia.

 

L’evento è stato organizzato il giorno 15 aprile 2013 presso la sede di Trieste della Regione Friuli Venezia Giulia. Alla riunione ha partecipato un ampio numero di partner coinvolti, tra i quali il Lead Partner Iniziativa Centro Europea, la Regione Friuli Venezia Giulia, il Ministero sloveno delle infrastrutture e della pianificazione territoriale, il Comune di Trieste, la Provincia di Trieste, il Comune di Gorizia, l’Autorità portuale di Trieste, EZIT , l’Università di Ljubljana e Luka Koper.

 

La Regione Friuli Venezia Giulia, responsabile degli studi di fattibilità sul lato italiano del ring metropolitano, ha presentato in cooperazione con Rete Ferroviaria Italiana, i risultati preliminari. Le progettazioni sono incentrate su tre sottostudi: I) rivitalizzazione del nodo ferroviario di Trieste, II) connessione ferroviaria tra le città di Trieste (ITA) e Capodistria (SLO); III) connessione ferroviaria tra le città di Gorizia (ITA) e Šempeter-Vrtojba/Nova Gorica (SLO). Il capofila InCE si è dimostrato molto soddisfatto dei risultati ottenuti fin’ora e attende fiducioso l’avvio della collaborazione con la controparte slovena. In questo merito il dott. Ljubo Žerak del Ministero delle Infrastrutture e della Pianificazione territoriale della Slovenia, nonché il partner responsabile per gli studi di fattibilità sulla rete ferroviaria di sua competenza, ha presentato un aggiornamento sulle procedure in corso. Il Ministero ha avviato con successo il bando pubblico per la selezione dei consulenti esterni che saranno responsabili per l’esecuzione delle progettazioni. La procedura di selezione è quasi terminata. Nelle prossime settimane rimangono da sbrigare le ultime formalità, ha concluso il dott. Žerak. Nella successiva fase del progetto le due reti ferroviarie, quindi l’italiana e la slovena, verranno connesse per formare un unico ring transfrontaliero metropolitano.

 

L’evento a Trieste era il primo di una serie di incontri tecnici che vedranno coinvolti i principali stakeholder, che saranno raggruppati geograficamente per le diverse connessioni ferroviarie.

 

Per ulteriori informazioni si prega di scrivere a europrojects@cei.int.