Successo per la conferenza sui trasporti nei Balcani organizzata da ADRIA A e DG NEAR

Iniziativa Centro Europea e Commissione europea – Direzione generale politica europea di vicinato e di negoziati per l’allargamento (DG NEAR) – hanno co-organizzato un evento pubblico dal titolo “Il ruolo dell’Unione Europea nei Balcani occidentali. Le connessioni dei trasporti e l’allargamento”, tenutosi a Trieste il 21 aprile 2015.

L’evento ha esplorato gli attuali sforzi nella regione volti a rafforzare la connettività e il sistema di trasporto, nell’ambito della strategia globale di allargamento, e lo strumento della Commissione europea per l’assistenza preadesione (IPA), che fornisce un sostegno finanziario e tecnico ai paesi candidati e potenziali candidati, in particolare nei Balcani occidentali.

La prima sessione della manifestazione è stata incentrata sul progetto ADRIA A Accessibilità e sviluppo per il rilancio dell’area dell’Adriatico interno – www.adria-a.eu) come best practice di cooperazione transfrontaliera nel quadro delle strategie macroregionali e programmi CTE.

Una tavola rotonda, cui hanno partecipato rappresentanti delle Strategie Macro-Regionali Adriatico-Ionica e Danubiana, e di Programmi quali INTERACT, ADRION e Italia-Slovenia, ha discusso di come le strategie macro-regionali interagiscono con i pertinenti programmi di cooperazione transnazionali e transfrontalieri, con una particolare enfasi sui trasporti.

La seconda sessione ha approfondito il ruolo dei trasporti come un fattore chiave per l’integrazione dei Balcani occidentali nell’Unione europea, con gli interventi di Peter Polajnar (DG NEAR) e Mate Gjorgjievski (South East Europe Transport Observatory, SEETO).

Al workshop hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro; il Sindaco di Trieste, Roberto Cosolini; Laura Comelli, Autorità di Gestione del Programma Italia-Slovenia; Antonio Cancian, Ministero dei Trasporti italiano; Paolo Angelini, Ministero dell’Ambiente italiano; Franc Zepic e Bostjan fendre, Ministero dei Trasporti della Slovenia; Danijela Kapa, Ministero dei trasporti del Montenegro; Snjezana Ivkovic, Ministero delle Comunicazioni e dei Trasporti della Bosnia-Erzegovina.